ANALISI ORGANOLETTICA

punteggio    1-2-3-4-5 da moltiplicare al valore dato alle varie voci

valore massimo 100

VISIVO

COLORE    LIMPIDEZZA
Per limpidezza si intende il grado di pulizia raggiunto dalla birra    x1

SCHIUMA da valutare in base allo stile (colore, persistenza, bollicine e aderenza)  x2

OLFATTO
Per effettuare in modo corretto l’esame olfattivo, occorre impugnare il bicchiere alla base del calice per evitare sia, che il calore della mano influisca sulla temperatura della birra, sia che eventuali odori della mano si sovrappongano con quelli della birra.
Si prosegue poi accostando il bicchiere al naso ed inspirando una prima volta. Si ruota il bicchiere ampliando la superficie della birra a contatto con l’aria per far diffondere le sostanze odorose, quindi, si inspira una seconda volta e successivamente altre volte (sempre dopo aver ruotato la birra nel bicchiere) ad intervalli regolari con le giuste interruzioni, per evitare l’assuefazione del naso ai profumi.

INTENSITA’  E’ data dall’impatto del profumo della birra nella sua interezza sulla mucosa del naso. Per capire questo concetto è sufficiente citare il seguente esempio: l’intensità olfattiva di un singolo fiore profumato o di un mazzo degli stessi fiori profumati è molto diversa, ovviamente è maggiore nel secondo caso. x1

COMPLESSITA’
E’ data dal numero di riconoscimenti presenti nel profumo della birra che si susseguono e si rendono distinguibili durante ripetute inspirazioni. Per capire questo concetto è sufficiente citare il seguente esempio: la complessità di un mazzo di rose o di un mazzo di fiori misti è molto diversa, nel primo caso un solo riconoscimento, nel secondo caso una cospicua quantità che porta ad una maggior complessità. x3

QUALITA’   ( gradevolezza profumi) x2

GUSTATIVO

INTENSITA’      E’ data dall’impatto di tutti i composti responsabili del gusto della birra nella sua interezza sulla mucosa della bocca.

CORPO              L’estratto di tutti i componenti non volatili (zuccheri, polifenoli, acidi fissi, sali, glicerina…) determina l’estratto secco ovvero il corpo x2

EQUILIBRIO     (L’equilibrio gustativo è dato dal bilanciamento tra le sostanze morbide (zuccheri, alcoli e polialcoli) e quelle dure (tannini, acidi e sali minerali) della birra x3

BEVERINITA’ E PERSISTENZA  La persistenza  è data dalla permanenza (misurata in secondi) delle sensazioni che permangono dopo la deglutizione della birra x3

ARMONIA
Rappresenta un giudizio finale che riassuma tutto quello che si è descritto nell’analisi sensoriale tenendo conto della logicità tra i tre esami e loro livello qualitativo. x3

Annunci


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: